Mercati avicoli, i prezzi aggiornamento a giugno

prezzi mercati avicoli
Cavriana, provincia di Mantova, la produzione dell'azienda Spazzini (foto Confagricoltura).
I dati di giugno secondo il Crefis

In aumento a giugno rispetto al mese precedente i prezzi a peso vivo di polli e tacchini mentre restano stabili le quotazioni delle galline.

In particolare, secondo quanto indica il Crefis (Centro ricerche economiche sulle filiere sostenibili, www.crefis.it) il prezzo medio a giugno dei polli vivi allevati a terra è stato rilevato a 1,158 €/kg sulla piazza di Forlì-Cesena, in aumento del 1,5% su maggio. In crescita anche il prezzo dei polli a peso vivo quotati a Verona (+1,2%), con un dato medio mensile di 1,150 €/kg, mentre la quotazione di Milano è rimasta ferma a 1,130 €/kg. Positive tutte le variazioni tendenziali (ovvero nei confronti di giugno dell'anno scorso) pari al +1,3% per Forlì-Cesena, al +2,3% per Milano ed al +4,1% per Verona.

Tab. 1 - Prezzi degli avicoli (peso vivo, euro/kg)
Prezzo medio mensile (euro/kg) Var. %
PRODOTTI e MERCATI giugno - 2019 maggio - 2019 giugno - 2018 mensile annua
Polli
Forlì-Cesena - allevamento nazionale 1,158 1,140 1,143 1,5 1,3
Milano - taglia leggera allevati a terra 1,130 1,130 1,105 0,0 2,3
Verona 1,150 1,136 1,105 1,2 4,1
Galline
Forlì-Cesena - taglia pesante allevate a terra 0,360 0,360 0,310 0,0 16,1
Milano - pesanti 1° 0,340 0,340 0,315 0,0 7,9
Verona - pesanti 0,353 0,360 0,310 -2,1 13,7
Tacchini
Forlì-Cesena 1,485 1,458 1,380 1,9 7,6
Milano 1,465 1,450 1,370 1,0 6,9
Verona 1,480 1,456 1,380 1,6 7,2

Sempre a giugno sono risultate invece stabili le quotazioni delle galline a peso vivo che sulla piazza di Forlì-Cesena hanno segnato 0,360 €/kg e sulla piazza di Milano 0,340 €/kg; mentre a Verona la quotazione media mensile è scesa a 0,353 €/kg (-2,1%). Le variazioni tendenziali sono risultate positive per tutte le piazze.

Tutte e tre le borse merci di riferimento indicano inoltre, sempre nell’ultimo mese, una performance positiva dei prezzi dei tacchini. A Forlì-Cesena il dato medio mensile è salito a 1,485 €/kg (+1,9% la variazione congiunturale), mentre a Milano e Verona i prezzi sono stati rispettivamente pari a 1,465 e 1,480 euro €/kg, con incrementi dell'1% nel primo caso e dell'1,6% nel secondo. Per quanto riguarda l'andamento tendenziale, le variazioni sono state positive per tutte le piazze considerate: +7,6% per Forlì-Cesena, +6,9% per Milano e +7,2% per Verona.

Le uova

Passando alla situazione delle uova, a giugno si riscontrano prezzi in diminuzione per tutte le categorie e tutte le piazze del comparto; negativo anche il dato tendenziale.

Tab. 2 - Prezzi delle uova - €/100 PZ.
Prezzo medio mensile (euro/100 pezzi) Var. %
PRODOTTI e MERCATI giugno - 2019 maggio - 2019 giugno - 2018 mensile annua
Intere da gabbia arricchita
Forlì-Cesena - (L, selezionate) 10,450 10,560 10,900 -1,0 -4,1
Forlì-Cesena - (M, selezionate) 9,450 9,560 10,000 -1,2 -5,5
Milano - (L) 10,775 10,825 11,325 -0,5 -4,9
Milano - (M) 9,475 9,525 10,325 -0,5 -8,2
Verona - (L) 10,450 10,580 11,200 -1,2 -6,7
Verona - (M) 9,350 9,480 10,200 -1,4 -8,3
Intere, da allevamento a terra
Forlì-Cesena - (L, fresche colorate e selezioante) 13,125 13,260 14,050 -1,0 -6,6
Forlì-Cesena - (M, fresche colorate e selezionate) 12,425 12,560 13,350 -1,1 -6,9
Milano - (L) 13,250 13,325 13,925 -0,6 -4,8
Milano - (M) 12,150 12,225 13,025 -0,6 -6,7
Verona - (L) 13,150 13,280 14,000 -1,0 -6,1
Verona - (M) 12,150 12,280 13,100 -1,1 -7,3

In dettaglio, e rispetto al periodo precedente, sulla piazza di Forlì-Cesena il prezzo medio delle uova intere da gabbia arricchita di categoria “L” è sceso dell'1% (con un valore pari a 10,450 €/100 pezzi), mentre a Milano la variazione congiunturale è stata pari a -0,5% (10,775 €/100 pezzi); in calo anche la quotazione di Verona (-1,2%), che risulta ora pari a 10,450 €/100 pezzi. Su base annua, tutte le piazze hanno registrato un deciso decremento che è risultato pari a -4,1% a Forlì-Cesena, -4,9% a Milano e -6,7% a Verona.

Anche le uova di categoria “M” hanno mostrato un andamento simile, con prezzi medi mensili scesi a 9,450 €/100 pezzi a Forlì-Cesena (-1,2% su base congiunturale) e a 9,475 €/100 pezzi a Milano (-0,5%); in flessione anche il prezzo delle uova a Verona (-1,4%), che è stato fissato a 9,350 €/100 pezzi. Rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, le voci hanno perso il -5,5% a Forlì-Cesena, il -8,2% a Milano ed il -8,3% a Verona.

Gli stessi andamenti registrati per le uova intere in gabbia sono stati rilevati per le uova intere da allevamento a terra, anche se su livelli di prezzo superiori. Per la categoria di uova “L”, la quotazione media è stata di 13,125 €/100 pezzi per Forlì-Cesena, dato in calo del -1% rispetto al mese precedente; per Milano e Verona, invece, i prezzi sono scesi a 13,250 €/100 pezzi per la prima piazza (-0,6%) e a 13,150 €/100 pezzi per la seconda (-1%).

Tab. 3 - La classificazione delle uova in funzione della dimensione

Sigla Classificazione Peso
XL uova grandissime minimo 73 grammi
L uova grandi minimo 63 grammi
M uova medie minimo di 53 grammi
S uova piccole inferiore a 53 grammi

Fonte: legislazione vigente.

Stesso andamento per le uova di categoria “M”, che hanno raggiunto i 12,425 €/100 pezzi a Forlì-Cesena (-1,1% rispetto a maggio) ed i 12,150 €/100 pezzi sia a Milano (-0,6%) che a Verona (-1,1%). Le variazioni tendenziali sono risultate negative per tutte le categorie di prodotto e comprese tra i -6 e i -8 punti percentuali.

Mercati avicoli, i prezzi aggiornamento a giugno - Ultima modifica: 2019-07-30T09:26:36+00:00 da Lucia Berti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome