Alltech: allevatori italiani in visita alle imprese locali irlandesi

allevatori
Alltech Italy ha organizzato un viaggio a Dublino per 70 allevatori italiani. L’obiettivo: guardare come le realtà produttive di questo Paese possano offrire spunti tecnici e idee gestionali utili anche per le aziende di casa nostra. Imprenditori italiani alla scoperta delle strategie degli allevatori locali

Per un allevatore, viaggiare significa aprire gli occhi su un mondo diverso da quello osservato nella propria quotidianità; una nuova realtà che può insegnare ad affrontare nel modo giusto e con strumenti più efficaci le sfide che si presentano ogni giorno in azienda.

Questo è stato anche l’obiettivo di Alltech Italy, azienda di Casalecchio di Reno (Bo) leader mondiale nella commercializzazione di integratori per animali, quando ha deciso di organizzare un viaggio per gli allevatori italiani in Irlanda. Dal 3 al 6 febbraio, infatti, Alltech Italy ha avuto il piacere di accompagnare 70 allevatori provenienti da tutta Italia a Dublino per visitare due stalle irlandesi, oltre che il territorio.

La prima stalla visitata, Termonfeckin Dairies, conta 380 vacche di razza Frisona e parti programmati durante tutto l’anno. La media produttiva attuale è 10.250 litri su 305 giorni di lattazione. L’erba è utilizzata in maniera intensiva, con pascolo da inizio aprile a fine ottobre. La razione varia durante l’anno a seconda della disponibilità di erba fresca o insilati di erba; altri ingredienti sono: insilati di mais, cereali di produzione propria e alimenti proteici acquistati, soprattutto soia.

La seconda azienda è stata St. John’s Pedigree Holstein herd, county Kildare, allevamento con 140 vacche Frisone. Dall’abolizione delle quote latte nel mese di aprile 2015, si sono attuati piani per aumentare gradualmente il numero di capi a 200 vacche in lattazione. La produzione media aziendale è 10.000 litri su 305 giorni di lattazione, con parti in azienda presenti tutto l’anno.

Il latte ha un prezzo base corrente di € 0,25/litro, escluso i premi per la qualità. Questo fa in modo che siano di fondamentale importanza i foraggi di produzione propria come: insilato di mais, insilato di erba, paglia e cereali (grano e orzo) che insieme a soia, melasso e minerali/vitamine sono gli ingredienti principali dell’unifeed. A seguito della visita agli allevamenti, il gruppo ha visitato la sede europea Alltech con un tour guidato attraverso l’European bioscience center e gli uffici che fanno parte dei lavori di ampliamento terminati in ottobre 2013, che hanno triplicato la superficie della struttura portandola a 3.600 m2.

Il gruppo inoltre, ha partecipato all’“Alltech craft brews and food fair”, dove ha potuto degustare birre artigianali, buon cibo e ascoltare ottima musica. Durante la serata, Alltech ha ottenuto il titolo di “Guinness world record” per la più grande degustazione di birra con 729 persone presenti.

Per maggiori informazioni sul prossimo viaggio rivolgersi a alltechitaly@alltech.com

 

L’articolo completo è pubblicato su Informatore Zootecnico n. 5/2016

L’edicola di Informatore Zootecnico

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome