Le novità tecnologiche in campo e in stalla a Nova Agricoltura Filiera mais

Nova Agricoltura Filiera Mais e Zootecnia di precisione
Seminatrici di precisione, trince di ultima generazione, carri miscelatori evoluti, dispositivi Nir, software gestionali e molto altro ancora. Le più moderne tecnologie del settore saranno presentate in occasione della giornata tecnica targata Nova Agricoltura

È ormai alle porte l’appuntamento con “Nova Agricoltura Filiera mais e zootecnica di precisione”, la giornata in campo targata Nova Agricoltura che si terrà giovedì 27 settembre a Lodi, presso il Crea, Centro di ricerca Zootecnia e Acquacoltura, a Cascina Baroncina (via della Baroncina).
Si tratta della prima edizione e le aspettative sono molto alte.
Agricoltori e allevatori da tutta Italia sono invitati a partecipare alla manifestazione organizzata da Edagricole in collaborazione con il Crea di Lodi.
Si tratterà la filiera agro-zootecnica del mais dalla raccolta del trinciato al prodotto finito rappresentato dal latte, analizzandone nel dettaglio i singoli anelli e descrivendo le innovazioni tecnologiche e gli strumenti di Precision livestock farming che intervengono nelle diverse fasi.


Mais e zootecnia di precisione non saranno quindi temi trattati separatamente ma saranno strettamente interconnessi.
Coltivazione, macchine per la raccolta al lavoro, insilamento, gestione dell’insilato, distribuzione dell’unifeed alle bovine, problemi di alimentazione animale, zootecnia di precisione, trasformazione casearia, molti saranno i temi affrontati in occasione della giornata tecnica di Lodi.
In particolare, gli esperti del Centro di ricerca Zootecnia e Acquacoltura di Lodi approfondiranno i temi del precision feeding e della zootecnia di precisione. Partendo dalle caratteristiche nutrizionali che rendono il silomais idoneo all’alimentazione della bovina da latte ad alta produzione si evidenzierà come tale alimento si inserisca bene nella razione sia dal punto di vista chimico-nutrizionale sia fisico. Quindi, si indicheranno le principali caratteristiche chimico-fisiche che è opportuno monitorare nel silo per un suo corretto impiego nella dieta. Infine, si caratterizzeranno le principali ricadute che tale alimento può avere sui diversi aspetti qualitativi del latte, soprattutto nella filiera del Grana Padano dop, con particolare attenzione sia alle prestazioni in caldaia che a quelle in fase di maturazione e stagionatura.


Nel caso della zootecnia di precisione applicata all’alimentazione il sensore può essere applicato al carro miscelatore, consentendo una valutazione quanti-qualitativa dell’alimento caricato. Questo consente da una parte di avere una serie di misure della qualità dell’alimento somministrato agli animali, consentendo un monitoraggio continuo dell’alimentazione della mandria, e dall’altro di garantire l’effettiva costanza della razione somministrata.
Si otterranno due risultati: una raccolta dati in grado di associare il livello e la qualità delle produzioni alla effettiva caratteristica chimica della razione somministrata; la garanzia della massima omogeneità della razione nel tempo.
A Nova Agricoltura mais e Zootecnia di precisione numerose saranno le innovazioni proposte dalle ditte che parteciperanno. I tecnici di ogni azienda saranno presenti in campo, all’interno di un proprio spazio espositivo, con lo scopo di rispondere alle curiosità e alle domande dei visitatori.
Si potranno così conoscere tutte le specifiche tecniche relative ai prodotti esposti e, per alcuni, vedere le dimostrazioni in campo.

Qui sotto l’elenco delle ditte (e dei rispettivi prodotti) che parteciperanno all’evento del 27 settembre:
- Allflex/Scr Diary: sistema di monitoraggio SenseTime, collare cSense Flex Tag, eSense Flex Tag.
- Chimiberg: geoinsetticidi Diastar Maxi e Teflustar, soluzioni per il diserbo;
- Corteva - Pioneer: Pioneer ViGis, piattaforma per osservare costantemente dall’alto le colture e registrare le mappe di vigore vegetativo, dispositivo Nir, agente di biocontrollo AF-X1;
- Dinamica Generale: dispositivi Nir;
- Fendt: Trincia Katana 85; app Fendt Logistic;
- Kuhn: Spv Power (carro miscelatore semovente verticale monococlea);
- Limagrain: Starcover, tecnologia innovativa applicata al seme di mais;
- Maschio Gaspardo: seminatrice di precisione Renata semiportata con elemento di semina ad alta velocità Chrono;
- McConnel: ripuntatore Discaerator (distribuito in Italia dalla milanese Marcello Tosi);
- New Holland: Trincia New Holland FR 780 con dispositivo EvoNir di Dinamica Generale;
- Ptm: software gestionale Ptm Management, centralina elettronica Advance per carri unifeed;
- Sgariboldi: carro miscelatore Grizzly (semovente verticale bicoclea);
- Sivam: servizio Ruminarte;
- Storti: carro miscelatore (Dobermann Evo da 16 a 33mq); imballatrice Orkel (brand norvegese distribuito in Italia da Storti) per insilamento ad alta densità per la pressatura del trinciato; spingiforaggio;
- Terre Padane: sistema Startec Ecofert
- Topcon: dispositivo Nir applicato su trincia Jaguar della Claas; dispositivo per agricoltura di precisione applicato sulla combinazione strip tiller (Striger) e seminatrice di precisione Maxima di Kuhn.
- Trelleborg.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome