Il progetto VaLatteBio: la conversione al bio degli allevamenti da latte

Finanziato dal Mipaaf al Crea di Lodi, ha avuto come obiettivo principale l'individuazione degli ostacoli che impediscono lo sviluppo della produzione di latte biologico in Italia e, contestualmente, la risoluzione di alcuni problemi tecnici, riguardanti l'alimentazione del bestiame e la coltivazione dei foraggi

La domanda di prodotti biologici da parte dei consumatori italiani è in vorticoso aumento; è necessario far sì che questo si trasformi in un'opportunità di sviluppo per la zootecnia e non in un aumento delle importazioni. Aumentare le produzioni italiane di derrate biologiche di origine animale mantenendone le caratteristiche nutrizionali ed etiche è la sfida che attende gli agricoltori bio nei prossimi anni.

Al tema è stato dedicato il convegno “Rafforzare produttività e redditività della produzione zootecnica bio: il progetto Zoobio2Systems e altre attività di ricerca del Crea”, promosso dal Crea (Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), in collaborazione con Comazoo (Cooperativa Miglioramento Agricolo e Zootecnico), in occasione della scorsa edizione della Fiera agricola zootecnica di Montichiari.

In particolare, durante il convegno, Giacomo Pirlo del Crea - Zootecnia e Acquacoltura, sede di Lodi, ha parlato del progetto triennale Itinerari tecnici e valutazione della fattibilità per la conversione di allevamenti di bovini da latte - VaLatteBio.
Il progetto, finanziato dal ministero delle Politiche agricole e Forestali al Crea di Lodi, ha avuto come obiettivo principale l'individuazione degli ostacoli che impediscono lo sviluppo della produzione di latte biologico in Italia e, contestualmente, la risoluzione di alcuni problemi tecnici, riguardanti l'alimentazione del bestiame e la coltivazione dei foraggi.

Gli obiettivi del progetto:

  • verificare la fattibilità della conversione da convenzionale a bio;
  • aumentare l'autoapprovigionamento di proteina alimentare e di foraggi;
  • mettere in evidenza, attraverso casi di studio, i vantaggi ambientali della produzione biologica.

Nel progetto sono coinvolti diversi partner appartenenti a Centri di Ricerca e Università.

Tra questi:

  • il centro di ricerca Zootecnia e Acquacoltura. Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria, Lodi, Italia.
  • l'Università Cattolica del Sacro Cuore, Piacenza, Italy;
  •  l'Università degli Studi della Tuscia, Viterbo, Italy.

Cliccando sul questo link sarà possibile prendere visione del n. 12/2017 de "I Quaderni ZoobioDi" all'interno del quale viene presentato il progetto Valattebio - Itinerari tecnici e valutazione della fattibilità per la conversione di allevamenti di bovini da latte.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome