Dieta su misura con il robot intelligente che alimenta le bovine

bovini
Unifeed omogeneo e ben equilibrato, monitoraggio costante della razione e automazione in tutte le fasi. Un sistema di alimentazione automatica semplice, efficace e affidabile che consente di effettuare una perfetta alimentazione fornendo notevoli vantaggi economici grazie all’incremento delle rese produttive del bestiame e alla riduzione dei costi di alimentazione

Carenza di manodopera, maggiori costi, ampliamento e diversificazione dei mercati, crescente domanda di prodotti di qualità, sono alcuni dei fattori che hanno contribuito al rinnovamento tecnico-manageriale del comparto zootecnico in questi ultimi anni.
L’introduzione di nuove tecniche che hanno interessato le strutture di allevamento e l’organizzazione del lavoro hanno cambiato radicalmente le giornate dell’allevatore. Emblematici in tal senso sono i progressi compiuti dal miglioramento genetico, dalla tecnica alimentare, dalla continua evoluzione della mungitura meccanica e delle tecniche di stabulazione. Molte importanti novità hanno interessato il settore della nutrizione e dell’alimentazione delle bovine con l’introduzione di tecniche innovative rivolte a supportare le accresciute prestazioni degli animali e soddisfare le esigenze di un mercato sempre più esigente.

La tecnica dell'unifeed

Su queste basi guadagna interesse la tecnica del piatto unico, più nota con il termine di unifeed, che consiste nella triturazione e miscelazione dei diversi componenti della dieta alimentare, calcolata in base alle esigenze nutritive di una determinata categoria di animali (vacche da latte in produzione, vacche da latte in asciutta, manze, ecc.). La miscela così ottenuta, viene distribuita agli animali una o due volte al giorno in modo che questi possano avere sempre a disposizione una sufficiente e omogenea quantità di cibo.

Aumenta l’ingestione e migliora l’assimilazione 

I vantaggi che derivano da questa tecnica sono molti. A esempio, da un punto di vista nutrizionale, la distribuzione in mangiatoia di una miscela omogenea, tale da impedire all'animale di scegliere gli alimenti più appetitosi, ne rende possibile, entro certi limiti, l’ingestione frazionata lungo tutta la giornata.
Ciò si traduce non solo in un aumento dell’ingestione di sostanza secca, ma anche in una più costante e omogenea utilizzazione dei vari principi nutritivi contenuti negli alimenti grazie alla creazione di un ambiente ruminale dal pH più costante e prossimo alla neutralità, favorevole ai processi di assimilazione.

 

robot intelligentePiù quantità e qualità del latte

Da un punto di vista produttivo, tutto ciò si riflette in un aumento della quantità e qualità del latte; il primo reso evidente da una curva di lattazione più sostenuta e costante), il secondo da un aumento del tenore proteico e di grasso nel latte.

Più convenienza economica

Anche economicamente i riscontri della tecnica sono molto positivi: la miscelazione dei vari componenti la razione consente all'allevatore di utilizzare quei prodotti e/o sottoprodotti che, a parità di valore nutritivo, risultano di volta in volta più convenienti dal punto di vista economico.
In tal senso la tecnica unifeed ha infatti permesso all’allevatore di ampliare la gamma dei prodotti costituenti la razione, affiancando ai tradizionali foraggi (freschi o conservati) una vasta gamma di alimenti non convenzionali quali i residui della distillazione, i semi di cotone, le trebbie di birra, le polpe di bietola, i residui della lavorazione della frutta, ecc.
La possibilità di adattare il livello nutritivo alle reali esigenze dell’animale comporta positivi riflessi anche sul suo stato di salute; un esempio viene dalla riduzione dello stress indotto dalla brusca variazione del cambio di dieta quando la vacca passa dalla fase di lattazione a quella di asciutta.

Meno fatica degli addetti

I benefit dell’unifeed investono anche agli aspetti tipicamente organizzativi della gestione dell’allevamento. La possibilità di eseguire una sola distribuzione giornaliera, a esempio, riduce l’impegno e la fatica degli addetti.
La semplificazione del cantiere per la preparazione della razione permette di razionalizzare l’impiego delle macchine e della manodopera, facendo conseguire non trascurabili risparmi anche in termini economici.robot intelligente
L’esatta conoscenza dei quantitativi impiegati nella preparazione di ciascun tipo di razione permette inoltre di seguire in “tempo reale” le prestazioni produttive e lo stato sanitario di ogni categoria di animali, potendo così “giocare d’anticipo” nella prevenzione di quegli inconvenienti (dismetabolie e conseguenti problemi sanitari) in grado di interferire nella redditività dell’allevamento (mancata produzione, aggravio dei costi sanitari).

La pratica applicata dai carri trincia-miscelatori

La tecnica unifeed e i vantaggi che essa comporta sarebbero rimasti un puro enunciato teorico senza l'avvento e la diffusione di attrezzature quali i carri miscelatori prima e i carri trincia-miscelatori poi in grado di fornire alla bocca dell'animale quanto calcolato e previsto nella fase di calcolo della razione. Introdotto sin dagli anni ‘70 come semplice miscelatore, il carro unifeed si è man mano evoluto nel tempo integrando la funzione di trinciatura (prima assolta da altre macchine) e perfezionando il sistema di pesatura.

Il sistema automatico Seko Saturn

Il sistema di alimentazione automatica Seko Saturn, semplice ma davvero efficace e affidabile, consente di effettuare una perfetta alimentazione fornendo notevoli vantaggi economici grazie all’incremento delle rese produttive del bestiame e alla riduzione dei costi di alimentazione. Completamente automatico (e pertanto non presidiato) e può lavorare 24 ore su 24, 7 giorni su 7 grazie al software Seko di ultima generazione, semplice da gestire e di utilizzo flessibile e funzionale, particolarmente adatto alla gestione delle specifiche esigenze degli allevamenti.

robot intelligente
Costituito da una stazione di alimentazione dedicata alla preparazione della razione attraverso un trincia-miscelatore della nuova generazione Saturn mixer in grado di trinciare perfettamente (e non sfibrare) qualsiasi prodotto alla lunghezza desiderata ed allo stesso tempo effettuare una perfetta miscelazione raggiungendo un’omogeneità di oltre il 99% come dimostrano i test effettuati presso varie università, livello irraggiungibile per altre macchine e/o sistemi.
Un sistema di gestione del carico è in grado di valutare la qualità del prodotto in ingresso permettendo di ricalcolare autonomamente le quantità introdotte o ancora da introdurre in base alla reale sostanza secca.
Durante la fase di carico degli ingredienti vengono infatti misurati in tempo reale il valore di umidità e le sostanze nutrienti di ogni ingrediente. Il sistema è quindi in grado di ricalcolare automaticamente il peso degli ingredienti assicurando così che la razione erogata corrisponda alla razione giornaliera calcolata dal nutrizionista.
A carico completato, un sistema di gestione del taglio e della miscelata permette il raggiungimento di un elevatissimo grado di omogeneizzazione mediante analisi in continuo della lunghezza della fibra e della distribuzione della stessa all’interno del Saturn mixer. Mediante acquisizione di immagini di una fotocamera digitale, il sistema è in grado di confrontare i fotogrammi acquisiti con immagini di riferimento predefinite. Solo al raggiungimento delle condizioni ottimali di lunghezza ed omogeneizzazione il prodotto sarà pronto per la distribuzione.

 robot intelligente

La distribuzione con il robot Saturn one

La distribuzione della razione unifeed viene eseguita dalla navetta Saturn one che opera in maniera completamente automatica caricando il prodotto dalla stazione di alimentazione e distribuendolo direttamente in mangiatoia in maniera uniforme e accurata.
L’alimentazione viene programmata per il numero di distribuzioni giornaliere a seconda della tipologia di animali e del tipo di allevamento.
La sua principale funzione è quella di distribuire la razione preparata laddove programmato e nei tempi programmati. Durante questa fase, e comunque anche con “missioni” dedicate, il robot è in grado di rilevare e fornire come feedback al sistema anche il livello di unifeed presente. Questa funzionalità, unita alla conoscenza esatta del materiale rilasciato in mangiatoia, è in grado di fornire un quadro esatto dello status degli animali dal punto di vista alimentare. Mediante l’utilizzo di tali informazioni, il sistema è quindi in grado autonomamente di adeguare la dosatura della razione in mangiatoia seguendo i riferimenti dell’alimentarista.
Il Saturn one è un sistema robotizzato full-elettric a guida autonoma equipaggiato con batterie long-life, sistema di navigazione intelligente, sempre connesso con il sistema centrale di gestione/controllo.

Guarda il video del Saturn one!

 


Caratteristiche tecniche del robot Saturn one

- Capacità: 2,5 m3
- Velocità di distribuzione: 0,25 m/s
- Velocità di trasferimento: 1 m/s
- Peso totale: 1800 kg
- Carico utile: 600 kg
- Tensione: 48 V DC
- Operatività: 24 h


 

Per informazioni: 

Contatti

 

 

Dieta su misura con il robot intelligente che alimenta le bovine - Ultima modifica: 2019-12-03T09:11:00+00:00 da Mary Mattiaccio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome