Accordo tra il Mipaaf e la grande distribuzione

Grana Padano: ok a supermercati con spazi dedicati a Dop e Igp. Il presidente Baldrighi: "Siamo stati i primi a chiedere che ciò accadesse"

Si sono svolti il 15 giugno all'Expo gli Stati generali delle Indicazioni geografiche italiane, alla presenza del Ministro Maurizio Martina. Sono state presentate le azioni del Mipaaf per la tutela e la promozione dei prodotti Dop e Igp sul fronte nazionale e internazionale. Cinque le azioni principali:

- rilancio dei consumi sul mercato italiano con un accordo siglato con la Gdo (grande distribuzione organizzata) durante l'evento,

- rafforzamento del contrasto alla contraffazione anche sul web,

- focus sulle indicazioni geografiche nel piano del Governo per il sostegno all'export Made in Italy,

- difesa del sistema delle denominazioni a livello internazionale,

- testo unico per le Dop per semplificare le norme a favore di imprese e consorzi di tutela.

In particolare l'accordo siglato con la Gdo, ha sottolineato il ministro Maurizio Martina, "darà una spinta al rilancio dei consumi dei prodotti a denominazione in uno dei mercati più importanti a livello nazionale come quello della grande distribuzione. Lo presentiamo in Expo proprio a ribadire che questo evento è una straordinaria occasione per le nostre filiere, per la grande qualità che tutti i nostri territori esprimono e che qui a Milano si presenta al mondo in tutta la sua forza”.

Il protocollo d'intesa tra Ministero e le associazioni della grande distribuzione organizzata, come Federdistribuzione, Ancc-Coop, Ancd-Conad, ha l'obiettivo, aggiunge il Mipaaf, "di garantire una migliore informazione dei consumatori e favorire una più facile individuazione dei prodotti Dop e Igp presso i punti vendita". Tra gli strumenti previsti dall'accordo ci sono:

- incremento degli spazi dedicati ai prodotti Dop/Igp nei punti vendita;

- utilizzo sugli scaffali di segnaletica dedicata alla campagna informativa sulle Dop/Igp; campagne informative promozionali svolte in coordinamento tra le aziende delle catene Gdo o dalle singole aziende come ad esempio la “settimana delle Dop/Igp”;

- esposizione e distribuzione presso i punti vendita di materiale informativo specifico dedicato ai prodotti a denominazione.

IL COMMENTO DEL GRANA PADANO

"Il protocollo sottoscritto all'Expo dal ministro Maurizio Martina e dalla Grande Distribuzione Organizzata per la valorizzazione dei prodotti Dop e Igp sugli scaffali dei punti vendita è una vittoria del Consorzio Grana Padano. In uno studio realizzato con l'Università Piemonte Orientale, presentato due anni fa a 'Tuttofood', siamo stati i primi a sollecitare il Governo e l'Unione Europea affinchè il consumatore potesse scegliere con chiarezza e trasparenza cosa acquistare. Da sempre, Grana Padano, infatti, combatte una difficile battaglia per fronteggiare il fenomeno dei 'falsi' e delle imitazioni ingannevoli".

Nicola Cesare Baldrighi, presidente del Consorzio Grana Padano, commenta così i contenuti dell'accordo siglato a Milano nell'ambito del convegno sulle Indicazioni Geografiche stamani a Palazzo Italia, nel sito di Expo.

Illeciti e truffe nel settore agroalimentare raggiungono cifre da capogiro: "L'agropirateria, che va appunto, dai 'falsi' all'utilizzo indebito di marchi e nomi come il nostro - aggiunge Stefano Berni, direttore generale del Consorzio - produce effetti gravissimi. E' sufficiente pensare che, solo per il Grana Padano, abbiamo stimato un danno di circa 1 miliardo di euro: 700 milioni all'estero e 300 milioni in Italia. E tutto ciò senza dimenticare gli aspetti legati ai controlli e quindi alla sicurezza alimentare e alla salute dei consumatori".

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome