Berni: serve un ministro dell’agricoltura sensibile ai problemi dell’agroalimentare di qualità

Così il direttore del consorzio del Grana Padano si rivolge a Giuseppe Conte. "E confidiamo che sia italiano il prossimo commissario Ue all'agricoltura”

 

“Tutto il mondo dei prodotti Dop e Igp auspica che il premier Conte indichi un ministro dell’agricoltura che sia sensibile e attento alle problematiche dell’agroalimentare italiano di qualità certificata, in continuità positiva con i precedenti ministri, Centinaio e Martina”. Queste le parole che Stefano Berni, direttore generale del Consorzio di Tutela del Grana Padano Dop, rivolge al premier Giuseppe Conte, che ha ricevuto dal presidente Mattarella l’incarico di formare un nuovo esecutivo.
“Confidiamo inoltre – continua Berni – che finalmente ci sia la volontà di avocare all’Italia il Commissario Ue all’Agricoltura, rivestendo questo settore un aspetto trainante dell’economia italiana con oltre il 15% del Pil e oltre 40 miliardi di euro di esportazione. L’Italia, leader assoluto in Europa per i prodotti Dop e Igp, trarrebbe grande giovamento dall’avere un riferimento che aiuti a garantire ai nostri prodotti tutela internazionale autenticità. L’illegittima evocazione del Made in Italy rappresenta infatti un danno enorme, superiore al volume di fatturato estero dei prodotti agroalimentari di pregio italiani”.

Berni: serve un ministro dell’agricoltura sensibile ai problemi dell’agroalimentare di qualità - Ultima modifica: 2019-08-31T16:45:18+00:00 da Giorgio Setti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome