Prezzi prodotti zootecnici: ulteriore aumento per il Parmigiano

prodotti zootecnici
I dati di riferimento per i prodotti lattiero-caseari e bovini rilevati dalle Camere di commercio ed elaborati da Borsa merci telematica italiana (Bmti) relativi alla settimana 21-25 settembre 2020

L’analisi svolta da Bmti sui listini all'ingrosso dei prodotti zootecnici rilevati dalle Commissioni delle camere di commercio e delle Borse Merci nazionali ha mostrato nella penultima settimana di settembre poche variazioni nel settore lattiero-caseario, ad eccezione del nuovo aumento rilevato per il Parmigiano Reggiano.

Parmigiano Reggiano e Grana Padano

I rialzi dei prezzi del Parmigiano Reggiano sono stati osservati su tutte le principali piazze di scambio e per tutte le stagionature, beneficiando ancora di un buon ritmo degli scambi. Lo stagionato 12 mesi quotato alla Borsa merci di Parma si è portato sugli 8,30-8,50 €/kg, l’1,2% in più rispetto a sette giorni prima. Il confronto con lo scorso anno rimane però ampiamente negativo, pari a un -23,3%.

Listini invariati per il Grana Padano, con i prezzi di tutte le stagionature fermi sui valori di sette giorni prima.

Latte e burro

Si confermano deboli le quotazioni attuali del latte spot, il prodotto scambiato al di fuori dei contratti di fornitura tra allevatori e industria. I prezzi del latte spot nazionale, attestati sui 345-360 €/t sulla piazza di Milano, accusano infatti un calo del -23,4% rispetto allo scorso anno, superiore alla flessione del -17,2% e del -13,2% che si registra rispettivamente per il latte estero di provenienza francese e per quello di provenienza tedesca.

Poche variazioni nel mercato delle materie grasse, con i listini del burro che confermano i valori della settimana precedente (1,67 €/kg per il burro pastorizzato quotato a Milano), mantenendo un leggero ribasso rispetto ad un anno fa.

 

Bovini vivi

Il mercato bovino rimane nel complesso statico, ad eccezione degli ulteriori rincari rilevati per i vitelli a carne bianca, anche per via di una minore disponibilità di capi. Alla Borsa merci di Modena l’aumento è stato di 0,15 €/kg, con i prezzi dei vitelli pezzati neri tornati sui 4,50-4,60 €/kg. Tuttavia, rispetto allo scorso anno i prezzi attuali cedono il 17,3%.

Stabili invece i vitelloni da macello.

Prezzi invariati anche nel mercato dei bovini da latte, dove il confronto con un anno fa resta segnato da un leggero calo, nell'ordine del -4%/-5% per le manze pezzate nere quotate alla Borsa merci di Mantova.

 

Leggi le schede sui prezzi dei prodotti zootecnici

Prezzi prodotti zootecnici: ulteriore aumento per il Parmigiano - Ultima modifica: 2020-10-02T17:15:14+02:00 da Giorgio Setti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome