Export formaggi +5% nel 2014, ma -12% i consumi nazionali

Assemblea Assolatte: l'associazione festeggia 70 anni. E conferma il primato del lattiero caseario nel comparto alimentare italiano

Con più di 15 miliardi di euro di fatturato in Italia, e protagonista nell’export con oltre 330mila tonnellate e 2,5 miliardi di euro, il settore lattiero-caseario si conferma il primo comparto alimentare del Paese. Sul fronte dell’export il 2014 è stato positivo, seppure con un ritmo rallentato rispetto al recente passato: dall’Italia sono partite per l'estero oltre 330mila tonnellate di formaggi per un fatturato che ha sfondato il tetto dei 2,5 miliardi di euro, mettendo a segno una crescita del 3,3% a volume e del 5% a valore rispetto al 2013. Oggi, quasi 1 formaggio su 3 prodotto in Italia viene venduto all’estero.

Sono i dati diffusi nel corso dell'assemblea annuale di Assolatte, che ha celebrato a Roma il 70esimo anniversario dalla sua fondazione. "Non esportiamo solo prodotti, ma un modello culturale e di impresa che il mondo ci invidia. Il nostro obiettivo? Arrivare a 3,5 miliardi di export entro il 2020", ha sottolineato Giuseppe Ambrosi, presidente di Assolatte.

Fin qui l'export. Ma all'assemblea Assolatte sono usciti anche dati importanti sulla produzione e sui consumi nazionali.

Nel 2014 il comparto lattiero-caseario italiano ha registrato un‘inversione di tendenza. La maggiore disponibilità di latte (+3%) ha permesso alle imprese lattiero-casearie di far lavorare gli impianti a pieno ritmo e così, dopo anni di ininterrotta flessione, il fatturato e la produzione del settore hanno ripreso a crescere. Complessivamente, nel 2014 dagli stabilimenti italiani sono usciti 2,5 milioni di tonnellate di latte da bere, oltre un milione di tonnellate di formaggio, 160.000 tonnellate di burro e 200.000 tonnellate di yogurt.

Però l’accresciuta offerta di latte, yogurt, burro e formaggi non ha determinato un aumento degli acquisti da parte degli italiani. Anzi. Nel 2014 le vendite di prodotti lattiero-caseari hanno registrato un ulteriore calo, che si somma a quello registrato negli anni precedenti. Complessivamente, tra 2011 e 2014, la spesa destinata all’acquisto dei latte e formaggi è crollata del 12%. “Purtroppo non riteniamo possibile un’inversione di tendenza nel corso del 2015 – è stato detto in assemblea – perché i consumatori si fanno sempre più attenti a quel che comprano. Quest‘alleggerimento del carrello della spesa sembra più strutturale che congiunturale e sta penalizzando anche i prodotti lattiero-caseari, da sempre espressione di un ottimo rapporto qualità/prezzo“.

L’aumento produttivo registrato nel 2014 ha riguardato soprattutto i formaggi Dop, che hanno sfiorato le 500mila tonnellate, con un aumento del 3% circa sui livelli del 2013. All’interno di questo segmento, gli incrementi più importanti  in quantità sono stati messi a segno da Grana Padano e Gorgonzola (+6%). Anche i volumi di Montasio e Piave sono aumentati in modo significativo (+13%), mentre sono stati registrati incrementi più contenuti per il Taleggio (+3%) e la Mozzarella di Bufala Campana (+2%). Stabili o in leggera diminuzione i volumi degli altri formaggi, compresa la mozzarella, che comunque si conferma ancora una volta la regina dei formaggi italiani.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome