Telescopici Jcb

jcb
Telescopico JCB 527-58 Agri Plus
La multinazionale britannica ha recentemente apportato nuove funzioni e notevoli miglioramenti ai suoi prodotti 525-56 e 527-58 Agri Plus. Le novità segnano un passo avanti in termini di prestazioni e facilità d’uso per rispondere a tutte le esigenze del foraggicoltore - allevatore

JCB, primo costruttore mondiale di sollevatori telescopici, presenta novità costruttive e aggiornamenti relativi a due modelli di movimentatori telescopici compatti, 525-56 e 527-58, della linea Agri, la più completa e versatile disponibile sul mercato.

Il modello 526-56 Agri Plus offre ora un cambio Powershift a quattro marce di serie, con trazione selezionabile a 2/4 ruote, mentre il modello 527-58 Agri Plus con trasmissione idrostatica è ora dotato di cambio Varispeed di serie, che consente all’operatore che lo utilizza di controllare la velocità di terra in modo separato dai regimi motore.

Entrambi i movimentatori sono dotati del motore JCB Ecomax 4,4 litri da 81 kW (109 Cv), che offre valori massimi di potenza e coppia in grado di offrire prestazioni davvero produttive.

I miglioramenti comuni a entrambe le macchine includono migliorie all’idraulica del braccio, un nuovo sistema di controllo della benna e luci led che illuminano le parti circostanti della macchina, utili quando si lavora di mattina presto o di sera.

JCB 526-56 Agri Plus

Il movimentatore telescopico più compatto della gamma JCB ha un’altezza di soli 2,4 m, misurata alla parte superiore della sua cabina, e una larghezza ai pneumatici di soli 2,2 m. Ciononostante, il modello 526-56 Agri Plus offre una capacità di sollevamento massima di 2.600 kg a 5,6 m, caratteristica che lo rende il movimentatore ideale dove dimensioni e manovrabilità sono fattori operativi essenziali.

La precedente versione Agri era dotata di un cambio manuale e trazione 4x4 permanente, mentre oggi, con le nuove modifiche apportate da JCB, il movimentatore 526-56 Agri Plus offre un cambio Powershift a 4 marce, trazione a 2/4 ruote selezionabile e, dove consentito dalla normativa locale, velocità di marcia superiori alla media. Grazie al cambio Powershift l’operatore può selezionare in modo più rapido e semplice la velocità migliore in funzione delle diverse applicazioni, mentre il nuovo interruttore montato sul joystick consente di passare in modo più semplice da marcia avanti a retromarcia. Infine, le migliorie al sistema freni migliorano la sensazione del pedale.

Il disinnesto della trazione 4x4 per la marcia su strada riduce l’usura delle gomme e aumenta la velocità massima, ora tra 33 e 40 km/h. In questo modo, il telescopico 526-56 Agri Plus impiega meno tempo per entrare e uscire dal campo.

Durante il lavoro, la nuova funzione di disinnesto della trasmissione azionata tramite il pedale del freno rende facile bilanciare la forza motrice e la potenza idraulica per ottenere le migliori prestazioni di strappo e sollevamento: la combinazione ideale, per esempio, per riempire una forca di letame durante la pulizia delle stalle.

JCB 527-58 Agri Plus

L’adozione di una trasmissione idrostatica ha consentito agli ingegneri JCB di realizzare un movimentatore telescopico davvero compatto, dall’eccezionale “densità” rispetto alle sue dimensioni.

Il modello 527-58 ha un’ampiezza di soli 2,04 m ai pneumatici e un’altezza di soli 1,95 m alla parte superiore della cabina. Pertanto può entrare in tutta facilità in spazi ristretti, mentre la capacità di sollevamento di 2.700 kg e l’altezza di sollevamento di 5,8 offrono la massima produttività, sia in ambienti interni che esterni.

Nella versione più recente, i numerosi perfezionamenti apportati alla trasmissione idrostatica garantiscono una migliore guidabilità, mentre il controllo Varispeed può essere utilizzato dall’operatore per impostare una velocità di marcia che non dipende dalla velocità del motore.

Si tratta di una caratteristica molto utile per le attrezzature che necessitano di un generoso apporto di olio, come erogatori di sabbia, segatura e paglia trinciata, poiché consente al movimentatore di procedere a una velocità lenta e costante lungo le lettiere per gli allevamenti, mentre i regimi motore sono mantenuti alti per erogare il flusso d’olio necessario.

Nuove caratteristiche comuni a entrambi i modelli

Le caratteristiche nuove o migliorate comuni ai modelli 526-56 Agri Plus e 527-58 Agri Plus, includono un sistema idraulico più raffinato per un’esperienza di controllo più comoda e godibile.

Il fine corsa di smorzamento sul braccio elevatore e retrazione offre il vantaggio di ridurre al minimo le perdite, mentre il joystick servocomandato a leva singola garantisce una reazione più positiva rispetto agli input di controllo. In questo modo si ottiene un controllo totale e un collocamento del carico preciso e sicuro.

Grazie all’eccezionale sistema di controllo della benna, questi due movimentatori compatti consentono all’operatore di scuotere una benna o una forca senza che l’operatore debba effettuare movimenti ripetuti del joystick. Si tratta di una caratteristica davvero utile per spostare materiali appiccicosi dalla pinza, spargere erba o insilati da una forca o svuotare una benna piena di grano con la massima precisione. E quando risulta sicuro cambiare le attrezzature mentre il motore è in funzione, la nuova valvola di ventilazione idraulica ausiliaria, messa in funzione tramite un pulsante sotto i gradini di accesso alla cabina, consente di risparmiare tempo nei momenti di maggiore lavoro.

 

CHI È JCB

JCB ha 22 stabilimenti distribuiti in quattro continenti: undici nel Regno Unito, gli altri in India, Stati Uniti, Brasile e Cina. JCB, che nel 2015 ha festeggiato il suo 70° anniversario, è di proprietà della famiglia Bamford. Il presidente Lord Bamford è il primogenito di Joseph Cyril Bamford (Mr JCB).

L’azienda produce oltre 300 diverse modelli tra cui terne, movimentatori telescopici, escavatori cingolati e gommati, pale gommate, mini escavatori, minipale, dumper articolati, carrelli elevatori fuoristrada, attrezzature per compattazione. JCB produce per il settore agricolo una gamma di movimentatori telescopici e l’esclusivo trattore Fastrac e inoltre, per il settore industriale, i carrelli elevatori Teletruk.

 

L’articolo completo è pubblicato su Informatore Zootecnico n. 3/2016

L’edicola di Informatore Zootecnico

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome