La suinicoltura italiana ha bisogno di rapporti di filiera più razionali

Fieragricola Verona ne discute in un workshop realizzato da Edagricole, giovedì 1° febbraio dalle ore 10.30

Ultimamente le cose non vanno male, per i suinicoltori italiani. Da mesi il prezzo dei suini si è collocato su livelli che fino a un anno fa parevano impensabili, tanto che ormai questo tipo di allevamento sembra assicurare quella redditività che gli imprenditori zootecnici si meritano.
Ma ora il problema è mantenere la posizione, evitare rilassamenti in grado di riportare gli indicatori di redditività in territorio negativo. Per ottenere questo risultato, molti operatori indicano come cosa utile quella di razionalizzare i rapporti di filiera. Una strategia che verrà discussa a Fieragricola Verona, nell’ambito di un workshop sulla suinicoltura italiana organizzato da Edagricole.
Appuntamento per giovedì 1° febbraio 2018 dalle ore 10.30 al padiglione 9, area Forum. Il workshop avrà questo titolo: «La ricerca di più solidi rapporti di filiera: qui il futuro della suinicoltura italiana».
Parleranno quattro dei maggiori esperti italiani del settore:

-          Antenore Cervi (presidente Asser): «Dal punto di vista dell’allevatore: di fronte a un periodo di prezzi interessanti è sbagliato abbassare la guardia. Le strategie per rilanciare».

-     Giovanna Parmigiani (giunta nazionale Confagricoltura): «Dal punto di vista dell’allevatore: razionalizzare i costi di produzione come primo passo per raggiungere o mantenere la redditività».

-          Lorenzo Fontanesi (presidente di Unapros e vicepresidente di Opas): «Dall’allevamento al macello, alla lavorazione industriale, alla commercializzazione. Le fasi della filiera che richiedono maggiori interventi di razionalizzazione».

-          Davide Calderone (direttore Assica): «Dal punto di vista dell’industriale: i presupposti per una più intensa valorizzazione dei salumi italiani».

Moderatore: Giorgio Setti, giornalista, della redazione dell’Informatore Zootecnico.

Seguirà un question time.

I quattro eventi Edagricole. Questo workshop non è l’unico incontro organizzato da Fieragricola Verona e dalla casa editrice Edagricole per arricchire la visita in fiera da parte degli operatori del settore. E’ stato infatti messo a punto un ricco programma convegnistico, articolato in quattro incontri, oltre a quello citato di giovedì  1° febbraio mattina sulla suinicoltura.
Mercoledì 31 gennaio pomeriggio (dalle ore 15.00) si terrà infatti un workshop concentrato sui problemi della produzione di carne bovina. Terzo workshop giovedì 1° febbraio pomeriggio (dalle ore 15.00), dedicato alla produzione avicola.
Infine il grande convegno “Milk Day”, che si terrà venerdì 2 febbraio con due sessioni, una al mattino (dalle ore 10.30) e una al pomeriggio (dalle ore 15.00): metterà a fuoco gli attuali trend tecnici ed economici che contrassegnano il comparto lattiero caseario.
Tutti e quattro gli incontri avranno luogo al Padiglione 9, Area Forum.

 

Tutte le informazioni sulle iniziative di Edagricole alla Fiera di Verona e sulle modalità di iscrizione alle diverse attività sono consultabili cliccando su questo link.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome