Carni piemontesi certificate Sqnz con il Consorzio Sigillo Italiano

229 allevatori piemontesi aderenti al circuito Asprocarne Piemonte e Consorzio Carni Qualità Piemonte hanno ottenuto, primi in Italia, la certificazione Sqnz del “vitellone e/o scottona ai cereali” con il Consorzio Sigillo Italiano

Con l’emissione del certificato rilasciato dall’ente di controllo Inoq di Moretta (Cn), in data 29 gennaio 2018, 229 allevatori piemontesi aderenti al circuito Asprocarne Piemonte e Consorzio Carni Qualità Piemonte hanno ottenuto, primi in Italia, la certificazione sulla base del Sistema di Qualità Nazionale in Zootecnia (Sqnz) del “Vitellone e/o Scottona ai cereali”.
È un traguardo importantissimo raggiunto dal sistema degli allevatori di bovini da carne della Regione Piemonte – afferma il presidente dell’Asprocarne Piemonte Franco Martini – che vede nuovamente primeggiare la nostra Regione nel campo della qualità e della sicurezza alimentare.
Dobbiamo ringraziare per questo importante riconoscimento – prosegue Marco Favaro, presidente del Consorzio Carni Qualità Piemonte – in primis i nostri allevatori che ancora una volta hanno creduto nei sistemi di qualità certificati aderendo in gran numero. Ritengo tuttavia importante – ha proseguito Marco Favaro – ringraziare per la fattiva collaborazione l’Assessorato all’agricoltura della Regione Piemonte, in modo particolare l’Assessore Giorgio Ferrero e i funzionari con cui collabora, che con forza hanno sostenuto la partenza dell’Sqnz anche attraverso l’emissione del bando a valere sulla Misura 3.1.1 del Psr regionale che garantirà, per i prossimi 5 anni, i fondi necessari a coprire i costi di certificazione a carico degli allevamenti.
Vorrei infine estendere il ringraziamento – riprende Franco Martini - anche ai colleghi delle Organizzazioni dei produttori delle altre Regioni: Unicarve, Azove e Coop Scaligera per il Veneto Bovinmarche e Consorzio Carne Di Sicilia, , che insieme a noi condividono il percorso all’interno del Consorzio “Italia Zootecnica” per portare finalmente a termine il Piano Carni Bovine Nazionale e per dare un nome alla carne bovina prodotta in Italia.
In queste settimane siamo in contatto con i principali player del mercato nazionale – conclude il direttore di Asprocarne e del Consorzio Simone Mellano – per iniziare il percorso di valorizzazione delle carni certificate Sqnz con il Consorzio Sigillo Italiano in modo tale da rendere visibile al consumatore la provenienza delle nostre produzioni di qualità certificate e per consentirgli con un colpo d’occhio di identificare nelle vaschette o nei banchi delle macellerie, le carni dei nostri allevatori con questo logo:

 

Per ulteriori informazioni contattare il n. 011/9715308.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome